Scheda Informativa

musi_ricostruzione-del-marchio

L’azienda è specializzata nella produzione di serramenti conformi alle norme UNI nelle più svariate essenze legnose, con i migliori sistemi di apertura presenti sul mercato (alzanti scorrevoli, scorrevoli complanari, a bilico e anta ribalta). La Falegnameria Musi è attrezzata per eseguire qualsiasi lavorazione su richiesta del cliente, utilizzando metodi del tutto artigianali ma avvalendosi dell’organizzazione di una grande azienda. La Falegnameria Musi collabora con personale composto da falegnami professionisti che sono sempre in grado di realizzare esattamente quanto richiesto dal cliente. La Falegnameria Musi è in grado di offrire Progettazioni su misura; Garanzia assistenza a domicilio; Assistenza post vendita; Consegna e montaggio; Preventivi gratuiti; Rispetto dell’ ambiente; Conformità alle normative UNI …e soprattutto un vasto assortimento di prodotti di alta qualità e dal design unico e originale.

Infissi per risparmio energetico: come sceglierli?

Il risparmio energetico è un fattore di grande importanza per chiunque decida di ottimizzare le risorse nella propria casa: in questo senso sarà bene prendere in considerazione anche gli infissi per risparmio energetico, perché grazie alle loro caratteristiche tecniche sono un ottimo punto di partenza per migliorare l’isolamento termico della casa.

Per isolare la propria abitazione, infatti, sarà bene sostituire le finestre e gli infissi, elementi principali dai quali avviene la maggior dispersione di calore per un edificio. La sostituzione con serramenti di qualità ridurrà le dispersioni verso l’esterno e quindi garantirà un risparmio considerevole soprattutto sui riscaldamenti e sul climatizzatore.

Oltretutto, effettuare una riqualificazione energetica della casa può far ottenere una detrazione fiscale pari al 65% per le spese sostenute dal 6 giugno 2013 al 31 dicembre 2016. Dal 1 gennaio 2017 il beneficio sarà del 36%. Per approfondimenti sulle agevolazioni fiscali per il risparmio energetico è possibile consultare la documentazione ufficiale dell’Agenzia delle Entrate aggiornata a gennaio 2016.

Questo quindi risulta essere il miglior momento per effettuare interventi che aumentino il livello di efficienza energetica della casa, grazie ai quali si potrà anche andare incontro alla salvaguardia dell’ambiente oltre che ad un risparmio sui consumi domestici.

Infissi per risparmio energetico: cosa devi tenere in considerazione?


Come scegliere gli infissi per risparmio energetico? Prima di tutto bisogna ricordare che per poter conseguire la detrazione fiscale occorre – come riporta l’Agenzia delle Entrate: “Ottenere un valore limite di fabbisogno di energia primaria annuo per la climatizzazione invernale minore di almeno il 20% rispetto ai valori riportati all’interno di una tabella delle Agenzie delle Entrate”. Per consultare la tabella riportata qui sotto bisognerà fare riferimento al decreto del ministro dello Sviluppo economico dell’11 marzo 2008, modificato dal decreto 26 gennaio 2010.

Fare un intervento di questo tipo rivolto al miglioramento complessivo dell’efficienza energetica della propria casa comporta un tipo d’investimento notevole che suggeriamo di intraprendere. Acquistare infissi di ultima generazione è la scelta migliore, in quanto sono realizzati con i più recenti materiali dalle proprietà altamente isolanti. Le finestre  adottano una moderna e rivoluzionaria tecnologia multicamere, che permette la conservazione del calore all’interno della casa, in modo da soddisfare i requisiti di legge sulla termocoibentazione.

I migliori infissi per risparmio energetico sono quelli realizzati da materiali con proprietà isolanti, come il PVC e combinazioni di legno e alluminio. È bene infatti cercare di acquistare un buon prodotto anche se più costoso, perché questo permetterà di risparmiare nel lungo periodo e lo si potrà notare nel costo ridotto delle bollette di luce e gas. Inoltre, si può scegliere il materiale adatto alle proprie esigenze e alla propria disponibilità economica, senza rinunciare al proprio stile di arredamento e al proprio gusto.

Cos’è e come riconoscere un vetro basso emissivo?


Quando parliamo di vetro basso emissivo, parliamo di una soluzione per incrementare l’efficienza energetica delle nostre abitazioni e dei nostri edifici. È stato pensato per migliorare in modo significativo quello che, un tempo, era un punto debole dell’efficienza energetica degli involucri edilizi: le finestre e porte-finestre.

Da questa esigenza è nato un vetro in grado di isolare termicamente limitando la dispersione di calore dall’interno verso l’esterno, senza compromettere la trasmissione di luce solare verso l’interno.

In cosa consiste un vetro con trattamento basso emissivo? Il normale cristallo viene arricchito di alcuni strati protettivi tra cui una membrana di ossidi di metallo (argento), che funge da barriera termica.

Questo tipo di vetro non va confuso con la vetrata isolante (o vetrocamera) che, invece, deve il proprio potere isolante alla discontinuità tra la superficie vetrata che dà all’esterno e quella che dà verso l’interno, creata con la sequenza di due o più lastre di vetro intervallate da camere d’aria o riempite da gas specifici come l’argon, il kripton o lo xeno. Il vetro con trattamento basso emissivo viene spesso impiegato per maggiorare le prestazioni energetiche delle vetrate isolanti.

Ora che sappiamo cos’è, andiamo a vedere come riconoscere un vetro basso emissivo. La caratteristica che lo contraddistingue dagli altri tipi di cristalli è la presenza di uno strato di ossido di metalli che può donare al vetro una leggera colorazione. Una prova che può essere effettuata per distinguere un vetro basso emissivo da un cristallo non trattato è quella di accendere un cerino davanti al vetro stesso: il riflesso della fiamma dovrà essere desaturato (tendere al bianco) piuttosto che essere rosso vivo o arancione.

Sapere cos’è e come riconoscere un vetro basso emissivo spesso, purtroppo, non può aiutare a difendersi dalle truffe di venditori disonesti: si paga un vetro trattato per avere un comunissimo cristallo.

 

  • Realizzazione di serramenti e infissi in legno.
  • Lavorazione del legno sia in fase di progettazione, che di realizzazione di manufatti.
  • Produzione di serramenti conformi a norme UNI, quali     
  • Finestre di legno;
  • Finestre di legno-alluminio;
  • Infissi, persiane;
  • Porte blindate;
  • Porte di legno;
  • Tapparelle;
  • Zanzariere

La FALEGNAMERIA MUSI GIORGIO & C., fondata agli inizi del secolo, progetta e produce serramenti sia interni che esterni.Con l’esperienza tramandata di padre in figlio, abbinata alle moderne tecnologie è in grado di soddisfare qualsiasi esigenza della clientela. L’azienda produce serramenti a norme CE per la detrazione fiscale.

La FALEGNAMERIA MUSI GIORGIO & C., garantisce lavori di qualità che durano nel tempo. L’azienda è specializzata nella produzione di serramenti conformi a norme UNI nelle più svariate essenze legnose, con i migliori sistemi di apertura presenti sul mercato (alzanti scorrevoli, scorrevoli complanari, a bilico e anta ribalta). Tutta la produzione viene eseguita artigianalmente e ogni singolo prodotto è curato nei minimi particolari curando la qualità della materia prima, preferendo legno di prima scelta, colle, vernici e prodotti di ferramenta di prima qualità.

Alla clientela viene prestato un servizio completo con competenza e professionalità effettuiamo:

•rilevamento delle misure in loco

•preventivi gratuiti di spesa

•progettazione, realizzazione in laboratorio

•possibilità di vedere e modificare il prodotto semilavorato

•consegna, montaggio e assistenza post vendita

La nostra falegnameria è in grado di realizzare qualsiasi arredamento in legno su misura. La lavorazione artigianale e su misura, che da sempre ha contraddistinto la nostra azienda e l’ha resa in grado di soddisfare le varie esigenze dei clienti, continua ad essere il motivo di vanto sella società. Le nuove tecnologie unite alla lavorazione artigianale ci consentono la produzione di Serramenti e Porte di elevata resistenza e con un’elevata efficienza energetica.

AGB, CISA, COLOMBO, CRISTAL, ECLISSE, ERRECI, FLESSYA, GUTMAN, HOPPE, L’INVISIBILE, MANDELLI, MOTTURA, PAIL, SCRIGNO, SOMFY, TWIN SYSTEM, UNIFORM, VALLI E VALLI, VIGHI.

Serramenti e infissi in legno certificati 

Falegnameria Musi G. & C. snc

Via Torricelli, 11 – Noceto (Parma)

Tel. 0521.62.54.97 

falmusi@sinergiapiu.com

logo-klimahausLa qualità deve essere tangibile e verificabile in ogni momento, in ogni progetto e in ogni singolo prodotto, per garantire il     massimo della sicurezza e delle prestazioni.

Blower Door test, test di tenuta all'aria... a cosa serve, e come funziona.

Che cos’è il blower door test?


Nella moderna progettazione si deve tenere conto della permeabilità dell’aria nell’edificio. Le zone che presentano una discontinuità nei materiali causano la perdita di calore verso l’esterno. Per individuare i punti maggiormente responsabili di questa problematica realizziamo il blower door test che, attraverso un intervento non invasivo, verifica il grado di permeabilità dell’edificio.

In cosa consiste un prova di Blower Door ?


Il test si esegue utilizzando un ventilatore che viene montato tramite una struttura metallica, ad una porta-finestra, ad una porta d’ingresso o anche ad una semplice finestra. Si procede pertanto a generare una volta una depressione di 50 Pa ed una volta una sovrapressione di 50 Pa all’interno dell’ambiente riscaldato da ispezionare (pressioni impercettibili sul corpo umano). Tramite un apposito software, facendo variare la depressione e la sovrapressione, si valutano i ricambi orari di aria mediati a 50 Pa (valore n50 n.d.r.). In questa maniera si può constatare il grado di ermeticità dell’involucro edilizio.

Classici esempi in cui è applicabile tale prova, possono essere: tetti in legno, verificando  la corretta nastratura dei teli, serramenti e controtelai non correttamente posati e/o nastrati, scatole elettriche che contengono tubazioni elettriche provenienti dall’esterno, portoni d’ingresso non correttamente montati e più in generale le costruzioni in legno che essendo nella maggior parte dei casi strutture prefabbricate assemblate in cantiere, possono nel contempo generare flussi d’aria indesiderati se non correttamente posate.

Durante la prova, viene eseguito un controllo tramite un anemometro di precisione ed una termocamera agli infrarossi per poter valutare e quantificare immediatamente la posizione esatta dei difetti evidenziati dal test così da poter intervenire in maniera precisa alla risoluzione dei difetti rilevati.

Principio


Attraverso un apposito ventilatore l’aria viene immessa o aspirata dell’edificio oggetto del test.
La forza del ventilatore viene regolata in modo che tra pressione interna e pressione esterna ci sia una prestabilita differenza di pressione.
La differenza di pressione tra due punti dell’atmosfera è la causa dei flussi d’aria (con un vento di intensità 5 si ha circa una differenza di pressione di 50 Pa). Il ventilatore viene incassato in un telaio che viene applicato alla porta d’ingresso, da qui il nome inglese Blower (=Ventilatore) -Door (=porta)-Test.

Al ventilatore sono collegati degli strumenti che misurano la differenza di pressione e l’intensità del flusso d’aria. La velocità di rotazione del ventilatore è regolata in modo tale da generare una ben determinata differenza di pressione tra l’interno e l’esterno. Di conseguenza si induce un flusso d’aria che compensa le “perdite” di differenza di pressione dovute alle infiltrazioni. Il flusso d’aria misurato viene diviso per il volume dell’edificio. Questo valore può essere confrontato rispetto ad altri edifici e alle indicazioni di normativa per avere una caratterizzazione dell’ermeticità dell’edificio oggetto di studio. Poiché a infiltrazioni d’aria corrispondono carichi termici che l’eventuale impianto di riscaldamento/condizionamento deve compensare, il blower door test è fondamentale per valutare il comportamento termico-energetico degli edifici, specialmente se si vogliono raggiungere elevate prestazioni.

A chi serve ?


La prova di Blower Door è la soluzione ideale per:

Chi vuole effettuare certificazioni o riqualificazioni energetiche precise ed affidabili. Chi vuole valutare la corretta ermeticità dell’involucro edilizio.

  1. chi costruisce edifici in legno al fine di poter assicurare una corretta posa in opera

  2. chi monta infissi per valutare la corretta posa in opera

  3. chi vuole effettuare una perizia su un edificio esistente

  4. chi vuole costruire edifici da certificarsi con l’Agenzia CasaClima o con il Passive Haus Institute

E’ quindi una prova utile sia per chi esegue il lavoro di montaggio degli infissi e dei controtelai, sia di chi monta strutture o coperture in legno, sia come garanzia per chi commissiona il lavoro o è intenzionato ad acquistare un immobile a basso consumo. Al termine della prova viene rilasciato un report chiaro ed esaustivo completo di grafici, in ottemperanza a quanto riportato dalla normativa vigente (UNI 13829).

Domande Frequenti

I nostri progetti

Realizzazione

Archivio video tematici selezionati dall'azienda